Lavoro

Buone e Cattive prestazioni

Prestazioni professionali

Nel mondo professionale si definiscono buone prestazioni quelle che soddisfano le specifiche.

Se farete ciò che vi viene detto, nei tempi e nel rispetto del budget, allora avrete fatto un buon lavoro.

Un cattivo lavoro, quindi, è quello che richiede una sistemazione o una reiterazione di qualche operazione o produce un output scadente.

Nell’economia delle connessioni in cui viviamo, ci sono però altri due tipi di prestazioni o performance degni di nota:

  • una performance memorabile

E’ quella che supera le aspettative tanto da far parlare di sé.

In quasi ogni campo, è possibile essere memorabili, almeno per un po ‘, e grazie al crescente numero di connessioni tra e fra i clienti, il lavoro straordinario diffonde la vostra fama.

E’ difficile però essere memorabili ogni giorno e in ogni modo, perché le aspettative continuano ad aumentare.

Il che porta ad una quarta categoria:

  • una performance personale

Un buon lavoro è in gran parte anonimo e dimenticato (ma comunque importante). Un lavoro personale, invece, è umanizzato. Ci avvicina.

Potrebbe non essere notevole, ma si distingue come memorabile perché (anche se brevemente) il destinatario del lavoro è stato toccato da qualcun altro.

Spesso, il lavoro memorabile è anche personale, ma personale  e basta potrebbe essere abbastanza al giorno d’oggi.

Tratto da un articolo del Blog di Seth Godin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.